martedì 9 dicembre 2008

Il triste destino di Lorenzo


Il giorno dopo la partita contro la Sanremese, il pensiero di tutti non può non andare all'ultima vittoria dei nerazzurri al “Comunale” di Sanremo: lo 0-1 dello scorso anno, con in panchina Lorenzo Mazzeo.
Come ricordate, quando un mese fa era subentrato all'esonerato Claudio Maselli sulla panchina della Novese, a Lorenzo Mazzeo, tutti noi, avevamo fatto un solo augurio: di poter fare il suo mestiere in tutta serenità, senza i casini cui quali aveva dovuto convivere, lo scorso anno, nella breve (ma intensissima) parentesi sulla panchina nerazzurra (le cene al restaurant Ciccione, i medicinali scaduti, le risse, le betoneghe ecc.ecc.).
Ed invece, dopo la vittoria nell'esordio, Lorenzo deve nuovamente fare i conti con una marea di problemi: Marletti, il Presidente della Novese, infatti, sta smobilitando.
Sabato pomeriggio, nella trasferta di Lavagna, la Novese ha affrontato i bianconeri con una formazione di giovani in quanto, dopo il forfait di Cavallo, Minetti, Panzanaro, Spinelli e la punta Vasoio, hanno lasciato i biancazzurri anche Balacchi, Nodari e Zaniolo, andati alla stessa alla Lavagnese, Della Bianchina alla Gelbison Cilento, Cappannelli e Albrieux al Derthona. Restano Tavella e tutti i giovani aggregati alla prima squadra.
Lorenzo, ma potrai mai provare ad allenare una squadra tranquillamente? Te lo auguro, perchè, come più volte detto, sei un vero uomo, con una dignità e dei valori... ma forse, in questo calcio nauseabondo, queste sono qualità non richieste.

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Mi dispiace per Lorenzo,ma credo che il suo destino da allenatore sia segnato...quando una societa' sceglie lui,significa che è sull'orlo della crisi.
Ahime' non so se sia giusto prendersela col destino beffardo o con qualche triste circostanza...

Anonimo ha detto...

un caso record:

Una partita del campionato di calcio Juniores, disputata a Pontedassio tra la Pro Imperia e il Don Bosco Vallecrosia è stata interrotta per una maxi rissa tra i giocatori (tutti 17enni) che ha prodotto ben 11 espulsioni. All’arbitro, Marco Cagnoli, della sezione di Imperia, non è rimasto che decretare concluso il match per il numero insufficiente di calciatori in campo. La squadra di casa stava vincendo per 4-1, quando la rissa è scoppiata per un fallo di gioco commesso da un difensore della Pro Imperia. Un calciatore che si trovava a terra, è stato riempito di calci, ed ha riportato la frattura di una gamba. Le due squadre saranno dichiarate sconfitte entrambe dal giudice sportivo.

meno male che loro avevano istruttori di grande livello, insegnavano a giovare a calcio, volevano crescere un grande settore giovanile ecc ecc.

RESTA PURE A PONTEDASSIO, A VENDERE IL LATTE!!!IL CICCIONE NON E' UN PRATO PER PASCOLAR VACCHE!!!
HAI RUBATO I COLORI, CAMBIATO IL NOME ... MA TANTO LO SAI: LA VERA IMPERIA SIAM NOI!!!

Anonimo ha detto...

articolo preso da riviera24

Anonimo ha detto...

dobbiamo rimpiazzare qualche diffidato facciamo campagna acquisti dal P.-R.-O.

Oh ma almeno le hanno date?

Anonimo ha detto...

bastardi.. che schifo.. CI VUOLE LA RADIAZIONE!!!!!! odio più loro dei matuziani..

El Lobo ha detto...

Mi spiace per Lorenzo ma in questo calcio c'è solo gente che te la vuole mettere in culo e le persone oneste possono andare da qualche altra parte. Per forza tutti se la prendono con gli Ultras: così cercano di mascherare lo schifo che fanno i farabutti veri, quelli che al posto della ninja indossano giacca, cravatta e stemma sociale.
Ma quelli che fanno più vomitare di tutti sono i giocatori che, a seconda delle convenienze, difendono ora questo ora quel personaggio figendo di non vedere e sapere... Complimenti!

Anonimo ha detto...

LORENZO NON MOLLARE!!!