venerdì 21 aprile 2017

Ciccione in gestione? Ma mi faccia il piacere...

L'Assessore allo sport Simone Vassallo ha detto la sua, sul Secolo XIX,in relazione alla richiesta fatta da Antonio Tomeo di avere in gestione il "Nino Ciccione", che, come detto qualche giorno fa, non è in regola: "Non è possibile dare in gestione il "Nino Ciccione". I lavori per la messa in sicurezza verranno realizzati dal Settore Lavori pubblici e la società neroazzurra, qualora dovesse cambiare la dirigenza, continuerà a prendere la struttura in affitto come ha fatto finora.
La prossima settimana siamo disponibili a vedere Tomeo ma, prima di tutto, dovranno mettersi d'accordo le parti private. Per dare in concessione un bene pubblico come lo stadio occorre espletare una gara, non si può certo affidare con un affidamento diretto.
Il Settore Lavori pubblici sta studiando la situazione per superare le criticità emerse e, a breve, mi risulta, ci saranno novità, ma la richiesta di Tomeo non è una strada praticabile".
Ma quali sarebbero questi lavori? Una robetta da niente... il "Nino Ciccione non ha il certificato anti incendio in regola, l'impianto di illuminazione non è a norma, le uscite di sicurezza non sono a norma, non sono presenti le telecamere di sorveglianza, le reti di protezioni non sono a norma, i servizi igienici sono da rifare ed il bar interno è da riaprire... e sti cazzi?
Consideriamo che, proprio l'altro ieri, il Comune di Imperia, nella persona dell'assessore al bilancio Fabrizio Risso, nel corso del consiglio comunale di Imperia ha presentato l’aggiornamento del DUP (Documento Unico Programmatico) 2017/19.
Come riportato da imperiapost.it, nel corso della presentazione del bilancio preventivo, ha illustrato un rendiconto “lacrime e sangue”, con tagli in tutti i settori: per quanto riguarda lo sport, manco a dirlo, sono stati stanziati zero euro... e secondo voi ne stanzieranno qualche centinaio di migliaia per mettere a norma il "Nino Ciccione"?

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Facciamoci 2 palazzi e non ci pensiamo piu

Anonimo ha detto...

se a scomputo facessero uno stadio nuovo moderno e funzionale in periferia non sarebbe per niente una brutta idea