domenica 25 novembre 2007

Imperia - Novese: 0-1


14° giornata d'andata, primo dei due turni interni consecutivi nei quali l'U.S. Imperia 1923 affronterà la Novese e la Sestrese.
Al "Ciccione", con fischio d'inizio alle 15,00, é ospite la Novese del neo allenatore Marangon, reduce dal successo interno contro il Saluzzo.
Quelli che sono ormai stati unanimemente definiti i "leoni nerazzurri", tentano quest'oggi l'ennesima impresa: in realtà é già un'impresa, la loro, quella di allenarsi con impegno e dedizione ogni giorno della settimana, senza vedere un centesimo e con una dirigenza vergognosamente assente.
Monsieur Martin recupera Panizzi, che ha finito di scontare le due giornate di squalifica e ha un solo dubbio legato alla presenza dell'unica punta di ruolo a sua disposizione, Gatti, reduce dall'infortunio patito domeica scorsa.
La formazione, inevitabilmente considerata la ristrettezza della rosa, sarà la stessa o quasi che ha perso con onore contro la capolista Biellese.
Una domenica bestiale: un arbitraggio disastroso e provocatorio ha finito col decidere un incontro sostanzialmente equilibrato. L'elenco degli errori compiuti da Minelli e soci é infinito e probabilmente me ne dimenticherò qualcuno: Gatti lanciato a rete che subisce un fallo da ultimo uomo e viene invece ammonito, il gol di Giglio viziato da una evidente trattenuta del pallone con le mani dell'attaccante novese, il rigore negato a Gatti al 40°, la seconda ammonizione a Gatti con annessa espulsione per un fallo a dir poco veniale su Binello, i continui sbandieramenti dei guardialinee ed i due clamorosi rigori negati ai nerazzurri... un disastro che ha scatenato la furibonda rabbia di tutto lo stadio (un assaggio cliccando qui, ringraziando gigheland), con il tentativo di invasione di campo, il lancio di oggetti dalla tribuna e l'assedio agli spogliatoi a fine gara. La gara, come detto, é stata equilibrata. Nel primo tempo le uniche occasione per i nerazzurri capitano sui piedi di Gatti, sul cui tiro Binello devia in tuffo in angolo, e con Vannucci al 40° il cui perfetto tiro dal limite dell'area esce di un soffio sopra la traversa. Nel mezzo, al 34°, il gol di Giglio, alla nona realizzazione stagionale, che servito al limite dell'area, stoppa con le mani ed infila in diagonale l'incolpevole Cicutti.
Nella ripresa i nerazzuri, rimasti in dieci per l'espulsione dell'unico attaccante di ruolo a disposizione, Gatti, gettano come al solito il cuore oltre l'ostacolo e, seppure in inferiorità numerica, tentano di assediare l'area del secondo portiere Corti, subentrato a Binello infortunato e protagonista solo di sberleffi alla Curva Nord. Nel convulso finale di gara, i nerazzurri con poca lucidità falliscono un paio di occasioni in area e come detto, si vedono negati due clamorosi rigori, all'85° per un fallo di mano in area e l'altro all'87° per un clamoroso atterramento di Russo in area novese, con l'arbitro che fa finta di non vedere. Al fischio finale, esplode la rabbia di tutto lo stadio, con la sola nota positiva degli undici leoni (anzi dieci) chiamati sotto la Curva Nord per il meritato applauso finale... un doveroso omaggio a questi meravigliosi e commuoventi ragazzi.
Ma l'arbitraggio scandaloso non deve essere un alibi: il colpevole di questa situazione schifosa é sempre e solo il master, che ha smantellato una squadra da primato, ha lasciato allo sbaraglio dei ragazzi fantastici e permette a tutti di fare il belin che gli pare. L'assenza di cambi ha impedito, poi, di far rifiatare gli eroici ragazzi in campo e di far cambiare l'esito di un incontro per nulla proibitivo. E domenica prossima, con Gatti squalificato, saremo ancora di meno.
Nel dopo gara, l'assedio agli spogliatoi stile anni ottanta, con l'arbitro uscito alle 18,00 a bordo di un cellulare della polizia, i giocatori della Novese scortati, con l'ex Benassi a chiedere scusa per il comportamento del proprio portiere ed il master, l'ex presidente ed il nuovo president anche loro scortati e pesantemente contestati.
Una situazione insostenibile: questo scempio, come detto, deve finire, ma finire davvero. Un nuovo presidente, una vera società, non un burattino capellone o servi sciocchi, leccaculi e lacchè. Basta: ridateci il piacere e l'orgoglio di tifare per l'U.S. Imperia 1923.
Ecco i giocatori schierati da Martin: Cicutti, Spiaggi (dal 20’ 2° T. Russo), Panizzi; Vannucci, Ciolli, Di Placido (dal 40’ 2° T. Minghinelli), Vago, Garibbo, Gatti, Marsiglia, Ambrosini.

Questi i risultati ed i marcatori delle altre gare:
Alessandria-PB Vercelli 1-0 11’ Artico (A).
Casale-Derthona 1-1 15’ Memmo (C); 69’ Lorieri (D).
Cirie`-Savona 3-1 21’ Rig. Salafrica (C); 45’ Salafrica (C);47’ Salafrica (C); 62’ Rig. Barone (S).
Lottogiaveno-Lavagnese 1-1 7’ Melle (L); 45’ Masitto (L).
Saluzzo-Sanremese 0-1 70’ Marci (S).
Sestri L.-Rivoli 1-2 58’ Lanati (S); 61’ Placida (R);90’ Col angelo (R).
Vado-Rivarolese 0-2 14’ Uccello (R); 48’ Pierobon (R).

Per effetto di questi risultati, questa è la classifica:

Alessandria 36
Biellese 34
Sestrese 27
Imperia 24
Lavagnese 24
Cirie' 21
Rivarolese 20
sanremese 20
LottoGiaveno 20
Savona 19
Rivoli 17
Casale 15
Novese 15
PB Vercelli 15
Sestri Levante 14
Derthona 12
Vado 8
Saluzzo 5

4 commenti:

Sez. Torino ha detto...

FORZA IMPERIA!!!!!!!!!

ettopascal ha detto...

viene il sospetto che anche la federazione sia stanca dell'Imperia Calcio e qualcuno voglia farci pagare tutte le stronzate di chi ci gestisce

Anonimo ha detto...

che peccato..qst anno i playoff
potevamo raggiungerli senza nessuno
sforzo!!
MONTALI VATTENE
L'IMPERIA AGL IMPERIESI!!!!

giò ha detto...

Credo fossero anni che non urlavo così al Ciccione. Ieri è stato commesso un vero e proprio furto ai nostri danni (e poi accusano le tifoserie di essere violente, ma quando vedi certi spettacoli quello che è successo ieri è veramente nulla confronto a quello che avrebbe potuto succedere se la piazza di Imperia fosse più calda di quello che è). Un quasi rigore tramutato in ammonizione del nostro attaccante. Due fuorigioco inesistenti segnalati dal guardalinee che non si accorge del controllo con la mano del loro attaccante che segna e neppure del loro difensore che blocca allo stesso modo un assist di Ambrosini che mandava in porta Marsiglia. Un placcaggio stile rugby ai danni di Russo ignorato e il tutto sotto la curva nord in bella vista dei tifosi. Mi auguro che questo arbitro venga almeno cacciato perchè se non era in mala fede questo..... Non ci verranno restituiti i punti rubati, ma almeno una piccola soddisfazione. E pensare che il mister della Novese ha dichiarato che il risultato gli stava stretto perchè avrebbero potuto arrotondare. Ma se hanno avuto in 11 contro 10 una sola nitida occasione in contropiede e il pallino lo abbiamo sempre avuto noi, ma che cavolo di partita ha visto? Quando ho visto i ragazzi subito dopo la fine della partita fare segno che sarebbero venuti subito sotto la curva (deve essere stato durissimo per loro accettare di concedersi a quell'assurdo rito dello schieramento a centrocampo per il fair play, rito del tutto inutile perchè da che mondo e mondo ci si è sempre salutati a fine gara solo che magari in questo caso semplicemente i nostri penso avrebbero avuto il diritto quantomeno di non stringere la mano all'arbitro!)ad accogliere il nostro applauso è stato bellissimo. Questi a differenza di tanta e troppa altra gente danno davvero tutto per questi colori e non si può che esser loro grati per questo loro lottare contro tutto e contro tutti.
E per chiudere non bisogna dimenticare questa società sta comunque raccogliendo quello che Montali ha seminato. E' chiaro che nella LND non sanno cosa farsene di una società che
1. NON PAGA GLI STIPENDI
2. NON PAGA I FORNITORI
3. NON PRESENTA BILANCI DA 5 ANNI
4. NON HA NEPPURE UNO STRACCIO DI MASSAGGIATORE E MEDICO SOCIALE, MOTIVO PER IL QUALE CONTINUA A PRENDERE MULTE CHE, IMMAGINO, FORSE NEPPURE PAGA.
5. NON PAGA LE PENDENZE AI VECCHI GIOCATORI E ALLENATORI.
e di conseguenza gli agguati della classe arbitrale, se le cose non cambiano in fretta, dovremo aspettarceli sempre di più e ogni domenica. Sanno benissimo che con tutti i punti che abbiamo fatto fino ad ora ne basterebbero altri 15/16 per salvarci e vedrete che se non si fa il ribaltone in società faranno di tutto per non farceli fare.
Un saluto e un grazie per la compagnia a tutti i ragazzi della curva.
Giò.