mercoledì 9 aprile 2008

Vogliamo Normalità



La decisione dei nuovi dirigenti nerazzurri, Gallina e Zamperlini, di regolamentare l’accesso da parte di giornalisti e dei tifosi allo stadio "Ciccione" durante gli allenamenti della squadra nerazzurra ha provocato la contemporanea presa di posizione dei due quotidiani locali principali, "Il Secolo XIX" e "La Stampa". In pratica, da venerdì scorso, l'ingresso è libero solo in tribuna e le interviste al tecnico o ai giocatori devono essere concesse previa richiesta al team manager Antonio Benedetto.
Su "La Stampa" Luca Amoretti ironizza dicendo testualmente "... neppure fosse la Juventus...".
Entrambi i giornalisti, poi, sono concordi nel dire che "la scelta di chiudere lo stadio agli estranei, secondo i bene informati, era legata all’esigenza di bloccare il proliferare di notizie sui blog dei tifosi. Una decisione non condivisibile, perchè nel villaggio globale anche i blog sono un modo per fare informazione e imbavagliarli non è certo un buon servizio alla collettività. La rete internet, infatti, è oramai un mezzo di comunicazione universalmente accettato e nel caso i tifosi-blogger si sono sempre limitati a una cruda fotocronaca, magari talvolta condita da un pò di sana ironia. Il rischio è che qualcuno possa pensare che in questo modo i nuovi "padroni" di piazza d’Armi vogliano sottrarre a occhi indiscreti ciò che avviene quotidianamente intorno al club".
Siccome io, come im1923, mi sento parte in causa (e come me, anche gigheland), devo necessariamente dire la mia.
Io credo che tutti noi desideriamo da anni una sola cosa: NORMALITA'!
Avere una società normale, che ingaggia un allenatore, allestisce una squadra che possa disputare tranquillamente il suo Campionato, che presenti la squadra ai suoi tifosi, che paghi i suoi dipendenti e provveda a tutte le loro necessità.
Una società normale ha un'organizzazione tale che le notizie all'esterno vengono comunicate da un addetto stampa ed è dotata magari di un sito internet ufficiale: insomma comunica con l'esterno, informa e coinvolge tutta la città.
Nella normalità ci sono giornalisti che intervistano i dirigenti, l'allenatore ed i calciatori, avendo delle risposte chiare e sapendo con chi hanno a che fare.
Nella normalità ci sono i tifosi che fanno quello che è il loro unico compito: tifare, applaudire o fischiare, acclamare o contestare.
Tutto lì.
Certo è che se ogni giorno salta fuori uno che si spaccia per dirigente, un allenatore ogni mese, giocatori che vanno e vengono, tremila persone che parlano dicendo tutto ed il contrario di tutto, se la tribuna dello stadio diventa un ristorante, se scaricano medicinali scaduti, se si parla solo di truffe, tribunali e retribuzioni non pagate, che dovremmo fare?
Stare zitti e ringraziare? Noi, io, non lo farò mai.
Io sono il primo che vorrebbe parlare di calcio, di calciatori e di partite: ci hanno anche tolto hanno il gusto "perverso" di contestare i calciatori o gli allenatori più grammi... ma chi se la sente di dargli addosso, se sappiamo tutti che dramma umano vivono ogni giorno questi ragazzi che negli ultimi anni indossano ed onorano (a prescindere) i nostri colori?
In questo contesto di anarchia totale, ci sta che un tifoso blogger entri nella sede e fotografi la stanzetta ricavata dal buffone di turno o che scopri che sono state scaricate medicine scadute o che c'è stata una rissa...
Ma se c'è questa anarchia, di chi è la colpa? Dei tifosi? Dei blogger? Non credo proprio, no?
La dirigenza nerazzurra si doti di una organizzazione societaria normale e saremo tutti lieti di parlare solo di calcio, di criticare o applaudire scelte tecniche ed acquisti.
Non conosco questi signori bresciani e la mia diffidenza nei confronti di chiunque bazzichi in piazza d'armi è ai massimi livelli.
Sto a quello che fanno e non a quello che dicono: pare abbiano pagato qualche conto e dato qualche legittimo euro ai ragazzi; sono tornati alcuni giocatori (buon ultimo, quest'oggi, Egnakou) e quindi la squadra si è rafforzata; hanno cacciato via Super Matto (ormai ingestibile); la squadra si sta allenando con relativa tranquillità da qualche giorno e domenica si è visto il risulato... e questi sono fatti.
Se chiedono che la squadra si possa allenare, con i giornalisti ed i tifosi (chissà poi quanti saranno) al loro posto, cioè in tribuna, che male c'è? Non mi sembra il caso di montare un caso.
Forse era meglio denunciare le malefatte di altri per colpa delle quali e del quale siamo arrivati a questo punto, ad un passo dal baratro... non lo si è fatto, quasi tutti hanno taciuto, omesso, fatto finta di niente. Ecco il risultato...
Ora ditemi voi il vostro punto di vista.

11 commenti:

giò ha detto...

Chiaro, preciso, inequivocabile come sempre im1923. E' quello che anch'io da anni sto chiedendo su questo muro e prima ancora sul forum dei SUI. Forse qualcuno pensa che i tifosi dell'Imperia vogliano la serie B e uno squadrone che "tremare il mondo fa", ma la realtà è quella che hai espresso in maniera perfetta tu. Ho sempre fatto anch'io l'esempio di una stagione tipo che non viviamo ormai da lustri. Presentazione della squadra alla città. Ritiro estivo nei dintorni e non a casa del diavolo con qualche amichevole magari culminanti con una delle squadre storicamente sempre presenti al Ciccione tipo Genoa, Samp o Torino.
Stagione normale in cui noi tifosi possiamo tifare e discutere con gli amici al bar delle parate del nostro portiere o dei goal del nostro centravanti e non di irruzioni della polizia, risse fra pseudo dirigenti, accampamenti all'interno della tribuna, processi, denunce, fallimenti, debiti. E' chiedere troppo?

via vecchia piemonte ha detto...

spero che nessuno si senta offeso....ma per noi tifosi non possiamo fidarci di chi arriva adesso in piazza d'Armi...purtroppo siamo stati presi per in giro da troppi anni per dare fiducia immediata !

invece di chiudere le porte sarebbe meglio che i due signori bresciani uscissero allo scoperto ( sarebbe interessante vedere almeno i loro volti ! ) ...e in modo chiaro e pulito presentassero un progetto adeguato alla nostra situazione....!!!
nessuno chiede la B e tantomeno la C ! vogliamo solo avere una società !!! BASTA QUELLO !

SEZ. ROMA ha detto...

Hai pienamente ragione, aggiungerei a normalità anche dignità! Quella che la città e la società hanno perso a causa di anni e anni di gestioni penose!

gighe ha detto...

Speriamo finisca presto questa interminabile stagione.Noi e i gionalai,non ne possiamo piu'!Di tutti questi banditi.
Come sempre condivido in pieno IM1923.

luca ha detto...

Amen!!!!!

Anonimo ha detto...

Il Sig. Zamperlini forse non sa che elargire denaro in nero è vietato dalla legge,e tantomeno è vietato accreditarsi come dirigente di una società in cui non si risulta minimamente, inoltre dice di aver pagato l'albergo ??? perchè non provate a chiedere all'albergo stesso se è vero ???
Non ha pagato che una misera cifra solo per farsi bello davanti a tutti ...
Perchè vuole a tutti costi questa squadra ?? provate a chiedere a Buzzetti perchè .....
Entra ed esce come se fosse il padrone, ma il Sig. Zamperlini o chi per esso pensa di appropriarsi della squadra avendo donato pochissimi Euro(Rripeto... in nero e quindi senza poter verificare realmente le cifre )

Anonimo ha detto...

IL SIG. ZAMPERLINI E I SUOI SOCI BRESCIANI NON POTRANNO MAI PRENDERE LA SOCIETA'. IL PM DI SAVONA SEQUESTRERA' LE QUOTE E INDICHERA' UN COMMISSARIO TERZO CHE LE AMMINISTRI . LUI E' UN PAGLIACCIO PEGGIO DI QUELLI CHE LO HANNO PRESCEDUTO .

Anonimo ha detto...

E' PROPRIO VERO ZAMPERLINI E' PEGGIO DI pranzani SENZA CARICHE NE' TITOLI PAGA IN NERO . RAGAZZI PRIMA O POI LA GUARDIA DI FINANZA LO METTE DENTRO

Anonimo ha detto...

Perchè Zamperlini non esce allo scoperto ??? se ci tiene così tanto alla squadra perchè non fà un'offerta per ritirarla ??
perchè ha il timore di incontrare Buzzetti ??
perchè non presenta un piano di riassetto per la società ?? è troppo facile fare il culattone con il culo degli altri..

Anonimo ha detto...

Quelli che scrivono sopra mi sanno tanto di discorsi filo Monta-Buzzettani....
Nessuno crede che Zamperlini e i bresciani siano santi,magari tra un mese saremo già ad insultarli ,ma da un certo punto di vista è anche corretto il loro modo di portare avanti la trattativa con una persona (Buzzetti) che non ha mai cacciato una lira e che probabilmente non conosce nemmeno i nomi dei giocatori ,è solo un pupazzo nelle mani di Montali del quale ha una paura incredibile . Se i bresciani trattassero con Buzzetti probabilmente si dovrebbero portare dietro tutti i problemi della gestione master ,che come ben sappiamo ,sarebbero ingestibili e non ci farebbereo fare molta strada, meglio trattare con distacco queste persone.
Rimane solo da vedere se queste persone oltre alle belle parole e ai buoni propositi sapranno anche agire bene (cosa che ad Imperia non vediamo fare da troppo tempo).

Anonimo ha detto...

P.S. Zamperlini paga in nero ? non è bello dirlo ma in questa categoria lo fanno tutti ,oltretutto lui ,per adesso, almeno paga , prima nessuno pagava ne in nero ne in bianco regalavano solo tantissimo marrone...
Oltretutto non mi sembra che (per adesso)abbiano contestato 1.800.000 euro di tasse non pagate a Zamperlini....